La canta de’ bon ann

Parole di ALDO SPALLICCI
Musica di CESARE MARTUZZI

Il buon augurio di capo d’anno cantato a mezzanotte sotto le finestre degli amici offerto insieme ad un grappolo d’albana mantenuto sotto la trave anche se con qualche chicco appassito, ma più dolce in compenso.

Se e’ cör
uv mör
d’ malincunì
dasìi un pö d’aligrì
dasìi una canta
una vidulêda

ch’ la corra vi par la santa
libartê
d’una campagna sulanêda,
coma un usël smulê
ch’u s’bòta a la pastura…
e la j’ è questa la bona vintura
che incù par l’ann che ven
u v’ dona i cantaren.

LA CANTA DEL BUON ANNO — Se il core / vi more / di malinconia / dategli un po’ d’allegria / dategli una canta / una modulazione gorgheggiata / che corra via per la santa / libertà / d’una campagna assolata, / come un uccello liberato di gabbia / che si butta alla pastura… / ed è questa la buona ventura / che oggi per l’anno che viene / vi offrono i canterini.


Propr. ris. Edizioni Musicali e Discografiche
Galletti Boston S.r.l. Corso Mazzini, 38
48018 Faenza (RA) • Italia
E-mail: info@galbost.com