La lezion de’ s-ciadùr

Canta della Vecchia Romagna
Canzone a dialogo raccolta nell’agro lughese
ed elaborata da F. BALILLA PRATELLA

Con le buone maniere tutto si ottiene, anche la fedeltà della moglie, anche la voglia di lavorare di lei, anche il mangiar di pane grigio.

Un vcett ch’ leva par dona una gran ghenga
sol breva ‘d fê la bëla e d’inganê,
quand propi u s’ fò strachê
e cun la voja ad dei un fiubadùr,
u s’ mess a dij, ciapend in t’ è sciadùr:

“Andaret a messa
nech s’ t’ a n’ è serva e badessa?”
– Signor sé, sol da me stessa! –
“Andaret a tavulen
nech s’ t’ a n’ è lo scanno d’or?”
– Signor sé, sora un scagnol! –

Parchè ch’ la nun duvess pu fé la dsmenga
e an capì tôt la forza dla rason,
u i sfargé un po’ e’ grupon
so e zò cun che quel dur da fê al lisagn,
finênd acsè di tôss da l’ingavagn:

“Magnarét de pan
nech s’ u n’ è di fiòr de gran?”
– Signor sé, di quel di chen! –
“Andaret a lett,
nech s’ t’ a n’ è l’amigh, da chent?”
– Signor sé cun e’ mi vëcc –


LA LEZIONE DELLO SPIANATOIO – Un vecchietto che aveva per moglie una grande oziosa / solo brava a pavoneggiarsi e a fare inganni, / quando proprio si fu stracco / (quando non ne potè più) / con la voglia di dargliene un fracco, / si mise a dire, dando di mano al matterello: / “Andrai a messa anche se non avrai serva e badessa?” Signor sì, sol da me stessa! “Andrai a tavolino anche senza scanno d’oro?” Signor sì, sopra uno sgabello! / Perché poi non dovesse fare la smemorata / e non capire la forza della ragione, / le accarezzò un po’ il groppone / su e giù con quell’arnese sodo da fare le parpadelle / finendo così di torsi d’impaccio. / “Mangerai del pane, anche se non sia di fior di grano?” Signor sì, anche quello che si dà ai cani! “Andrai a letto, anche se non avrai l’amico accanto?” Signor sì, col mio vecchio!”.


 

Propr. ris. Edizioni del Girasole srl
Via Pasolini 45 RAVENNA
E-mail: edizionigirasole@libero.it