La majê

 

Parole di ALDO SPALLICCI

Musica di CESARE MARTUZZI

 

 

Una tradizione non ancora spenta in Romagna vuole adornare di rame di betulla, a calen di maggio, i davanzali, ad impedire che le formiche entrino nelle case a far danno ai grani. La rama di betulla è l’erede ultima del gonfalon selvaggio che s’è fer­mato ai veroni; è l’erede dei rami di majo che al tempo di Giustiniano Imperatore si ponevano alle porte ad indicare amore. E il canto vuole beneaugurare alle messe ed agli uomini.

 

Dop un sonn ch’u n’fneva mai

La campagna la j’ è ‘d fèsta

E e’ mi gal alzend la crësta

L’à cantê: chirichichì!

 

Tu la rama la piò bèla

Strapa i fiùr ch’i t’
piis a te

Spiana coma par un ré

Al finéstar dia mi ca.

Tu la bdola la piò bèla

Strapa
i fiùr ch’i t’ piis a te,

Che al furmigh al n’ à
d’ antrê

A magnêr int’ la mi ca.

 

L’invarneda la j’ é fnida,

Mo l’ è vnuda di’ êtra neva,

Ch’ la n’ à cvert êt che la seva

L’ è e’ spen bianch eh’ P è tot fiurì

 

Tu la rama ecc.. ecc.

Int e’ bosch e’ rusignöl
Int i prè e’ grell cantaren,
Parché e’ gran e vegna ben,
Tota nota i cantarà.

Tu la rama ecc.. ecc..

LA MAGGIOLATA — Dopo un sonno che non finiva mai / la campagna la è in festa/ ed il mio gallo alzando la cresta / ha cantato « chicchirichì » / Togli la rama più bella / strappa i fiori che piacciono a te / sistema come per un re / le finestre della mia casa. / Togli la betulla più bella / strappa i fiori che piacciono a te / che le formiche non debbono entrare / a mangiare nella mia casa. / L’invernata è finita / ma è venuta dell’altra neve / che non ha coperto che la siepe / è il biancospino ch’è tutto fiorito. / Togli la rama più bella ecc. / Nel bosco l’usignolo / nei prati il grillo canterino / perché il grano cresca bene / tutta notte canteranno. / Togli la rama più bella ecc.

 


Propr. ris. Edizioni Musicali e Discografiche
Galletti Boston S.r.l. Corso Mazzini, 38
48018 Faenza (RA) • Italia
E-mail: info@galbost.com