La vosta rösa

Parole di ALDO SPALLICCI
Musica di CESARE MARTUZZI

E’ fuggito per vie remote il timido amoroso dacchè ebbe in dono dall’amata una rosa di granato che era la regina del brolo e la custodisce gelosamente sul cuore e la bacia ad occhi socchiusi vedendovi, nella corolla appena dischiusa, il volto verginale di lei.

La vosta rösa – ch’à m’avì dêda in don
Faceva festa – sora la rama spena,
e in sen a voie –faseva pu tant bon
ingarnadena.

A l’ho purtêda – cumpagna a un brev d’un sant
Tra j òcc d’invigia – “dasìm a me che fior”
A la j ho porta – sempar da cant, da cant
Da cant a e’ cör.

E se una völta – che a dil squeri a m’ vargogn,
la vosta rösa – ch’a tneva tanta ciöta,
a l’ho basêda – a j ho basê in insogn
la vosta göta.

LA VOSTRA ROSA – La vostra rosa che mi avete data in dono / faceva festa sopra la rama spina / e in seno a voi faceva tanto buono / incarnatine. Io l’ho portata sempre accanto, accanto, / accanto al cuore. / E se una volta, che a dirlo quasi mi vergogno, / la vostra rosa che tenevo tanto nascosta / io l’ho baciata, io ho baciato in sogno / la vostra gota.


 

Propr. ris. Edizioni Musicali e Discografiche
Galletti Boston S.r.l. Corso Mazzini, 38
48018 Faenza (RA) • Italia
E-mail: info@galbost.com