L’invìd

Parole di GIANNETTO ZANOTTI
Musica di GIUSEPPE CALAMOSCA

 

E’ ancora notte fonda, con il cielo pieno di stelle scintillanti per quanto prossime al tramonto. Lo spasimante canta a Malvina una serenata, che è un invito a seguirlo in pineta prima ancora che spunti l’alba.

 

Lévat Malvina ven chl’è incora scur

e vers a l’elba l’ëria profumêda

l’a t’accarezza cun l’udor di fiur

I’ è un’eria innamuréda.

Aj’ ò una cuntintezza

ch’an so piò bon d’urmì

ven sobit, la mi blëzza

e not pintì

Tra un bès e una carëzza

t’ha me prumes d’avnì

e da la cuntintëzza

um pê d’muri

Al stèl de zil, ch’al cnos tott quant i mrus
al rid al screca d’ I’ occ che pê ch’ al sepa

ch’ a gljà d’accunpagnës cun la su lus

e fê l’amor in pgnéda.

Aj’ ò una cuntintëzza ecc. Tra un bès ecc…

 

L’INVITO — Alzati Malvina vieni è ancora buio / e verso l’alba, l’aria profumata / la ti accarezza col profumo dei fiori / è un’aria innamorata. / Ho una contentezza / che non riesco a dormire / vieni subito, mia bellezza / non ti pentire. / Tra un bacio e una carezza / m’hai promesso di venire / e dalla contentezza / mi par di morire. Le stelle del cielo, che conoscono tutti i marosi / ridono, strizzano d’occhio e pare sappiano / che debbono accompagnarci con la loro luce / a far l’amore in pineta / Ho una contentezza ecc. / Tra un bacio e una carezza ecc.

 


Propr. ris. Edizioni del Girasole srl
Via Pasolini 45 RAVENNA
E-mail: edizionigirasole@libero.it