Ninàn Bubù

Canta della vecchia Romagna
Ninna Nanna di Modigliana, raccolta ed elaborata
da F. BALILLA PRATELLA

Più che il sonno di Boccadirosa, la nanna ha bisogno di indulgere a quiete un cuore in tumulto. Il cuore di chi, spinta al peccato, triste e scorata, protende le mani a che l’amante d’un giorno non torni, a che rimandi a domani, a domani l’altro. Perché c’è lui, c’è lui che le dorme accanto, c’è il suo cuore ben fatto di sposa che torna a pulsare.

Ninàn, ninàn bubù,
no stê avnì parchè oz è lu
e no stê bussé a la pörta
t’avniré un’êtra völta.

Ninàn, ninàn bubù
no stê avnì parché l’è vnù,
e dman a sera t’a n’ vé in fal
ché lò e’ va a Bagnacaval.

Ninàn, ninàn bubù
no stê avnì parché l’è vnù,
torn’ indrì par caritê
j ò e’ mi sangv da cundilê.

Ninàn, ninàn bubù
no stê avnì parché l’è vnù,
e dman a sera o clêtra sera
no svultê la mi calera.

TRADUZIONE — Ninna nanna bubù (che in romagnolo significa alle volte il diavolo e alle volte malattia) non salire perché oggi c’è lui / e non stare a bussare alla porta / tu ci verrai un’altra volta. / Ninna nanna bubù / non salire perché è venuto / domani sera tu non vai in fallo /che lui va a Bagnacavallo / Ninna nanna bubù / non salire perché è venuto / torna indietro per carità / ci ho dato il mio sangue da cullare. / Ninna nanna bubù / non salire perché è venuto / domani a sera o quell’altra sera / non voltare alla mia callaia.


Propr. ris. Edizioni del Girasole srl
Via Pasolini 45 RAVENNA

E-mail: edizionigirasole@libero.it