Zôgn

Parole di RINO CORTESI
Musica di GUIDO BIANCHI

Dalla raccolta dei mesi dell’anno. Lode al mese di giugno.

E gras e bel e rubicond
e’ vén zôgn ch’ I’ ha una prumêssa,
fai de’ lérgh, lëssa che pëssa
che vo’ fé rech tot quant e’ mond.

– Zôgn, zôgn, zôgn,
cusa j’ et int e’ tu pogn?
– Cus ch’a j’ ho, à j’ ho un tesor
cus eh’ a j’ ho, a’ j’ ho tot or,
e stasera i puret
i m’ dirà de’ banadêt,
me a’ so zôgn che dà ligrezza
me a’ sò e’ mes che fa richezza.

E sempar, sempar a’ l’ho sugnêda
ste bel frut d’ la mi fadiga
e’ splindor d’ sta bionda spiga
la campagna eh’ I’ è indurêda.

– Zôgn, zôgn, zôgn, ecc. ecc.

GIUGNO — Grasso e bello e rubicondo / viene giugno che ha una promessa / fagli largo, fagli il passo / che vuol far ricco tutto il mondo. / Giugno, giugno, giugno / cosa ci hai nel tuo pugno? / Cosa ci ho? ci ho un tesoro / cosa ci ho? ho tutto oro / e stasera i poveretti / mi diranno benedetto / che io son giugno che dà allegrezza / sono giugno che dà ricchezza. / E sempre io l’ho sognato / sto bel frutto della mia fatica / lo splendore di sta bella spiga / la campagna ch’è indorata. / Giugno ecc. ecc.

Propr. ris. Edizioni del Girasole srl

Via Pasolini 45 RAVENNA
E-mail: edizionigirasole@libero.it