CALENDIMAGGIO

1° Maggio - Festa del CALENDIMAGGIO

 Ogni anno, a Primavera, il primo appuntamento che la Rievocazione Storica Medioevale presenta è quella del ” CALENDIMAGGIO “, la tradizionale Festa che oggi, come in passato, viene celebrata il 1° di Maggio e che si rifà alla Tradizione di salutare il ritorno della Primavera con la ” POSA del MAGGIO “:  un Palo ottenuto da un albero sfrondato e piantato al centro del Paese, alla luce delle Fiaccole, tra lo sventolio delle Bandiere, il rullo dei tamburi e gli squilli di Tromba ! Sulla sua cima vengono fissati nastri colorati, ognuno dei quali viene preso in mano da una giovane e, al ritmo di una danza, intrecciati fino a ricoprire tutto il Palo ( MAYPOLE ), guarnito e decorato con fiori primaverili ….

……………..

Le leggende storiche raccontano che le giovinette, preposte a questa danza propiziatoria, evidente simbolo di fertilità, prima si lavassero e purificassero nell’ acqua di fonte con molta cura e si abbellissero per cercare di catturare l’occhio dei giovanotti : in modo da poter poi passeggiare, incontrarsi e ” FLIRTARE ” sotto il Palo stesso …..
Infatti, a quel tempo, CALENDIMAGGIO era conosciuta come la Festa della vera fertilità e capitava spesso che si celebrassero Riti d’ Amore nei boschi, che terminavano con l’abbandono ai sensi : si trattava di un rituale, attraverso il quale i Giovani ” conoscevano ” per la Prima Volta l’ Amore Fisico, detto anche ” la Sfida ” ( nel senso d’iniziazione maschile…) …

Le Giovinette che rimanevano incinte in questo Giorno, si sposavano poi generalmente a Giugno, ch’era il mese più popolare per i Matrimoni ! Per questa Festa, due erano le Figure rappresentative :

la REGINA di MAGGIO , che veniva eletta nel Paese ed i BENANDANTI , che vestivano solo di verde e portavano un Cappello Rosso ( NESSUN ALTRO era autorizzato a vestirsi così per tutta la durata della Festa…) ; mentre le REGINE di MAGGIO rimanevano nei propri Paesi e passavano a benedire le case, i BENANDANTI giravano da un Paese all’altro, portando i saluti alle REGINE ! La gente stendeva panni verdi sulla porta e spargeva petali di rosa per attirare i BENANDANTI e farli entrare nelle proprie case : tutti questi petali ed i fiori che venivano usati dovevano essere ASSOLUTAMENTE tagliati senza l’uso di coltelli o altre lame metalliche, perchè questo veniva considerato come di CATTIVO AUSPICIO !

(n.d.r. Un chiaro riferimento a questa usanza lo troviamo nella nostra canta “La Majè”).

Le Feste che dividevano la fine di un Ciclo dall’ inizio di un altro, erano sempre MOLTO importanti e MOLTO potenti : per questo, onde attirare la BUONA SORTE , era d’uso passeggiare, per CALENDIMAGGIO , percorrendo i confini della Proprietà di Famiglia e mettere tutto ciò che si aveva di più prezioso in un Cerchio e camminare intorno ad esso, per TRE volte, in circolo …..

Conosci ed aiutaci nel progetto di digitalizzazione del nostro repertorio di cante romagnole